Linzer torte ... a modo mio! - La Fucina Culinaria
322
post-template-default,single,single-post,postid-322,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Linzer torte … a modo mio!

Penso che chiunque ami cucinare e sia andato in vacanza in Trentino Alto Adige si sia comprato un libro di Anneliese Kompatscher. Io ne ho uno piccolo piccolo di dolci in cui ho trovato una ricetta di una pasta frolla speziata che mi fa letteralmente impazzire.
Non avendo marmellata di mirtilli rossi in casa,l’ho sostituita con una marmellata di mele,fichi e cardamomo di mia produzione,da qui il titolo del post.

Linzer torte (a modo mio)
Ingredienti :
per uno stampo da 28cm di diametro:
300-350g di farina oo
250g di burro
250g di zucchero
200g di mandorle tritate fini
2-3 uova (dipende dalla grandezza)
2 cucchiaini di lievito
1 cucchiaino raso di cannella in polvere
un pizzico di chiodi di garofano triturati
scorza di limone grattuggiata
marmellata di mirtilli rossi per la versione classica
marmellata di mele,fichi e cardamomo per la versione “a modo mio”
marmellata preferita per la versione “a modo vostro”
Procedimento:
Preparare la frolla con la tecnica del burro a freddo ( sfarinato veloce di farina e burro,poi incorporo gli altri ingredienti e lavoro il tutto molto velocemnte),far riposare in frigo almeno un’ora,poi prendere due terzi della pasta es tenderli in una nella teglia,coprire con uno strato leggero di marmellata (stare un pò distante dai bordi),preparare dei “cordoni” con la pasta rimanente,infine cuocere in forno per circa 30-35 min a 180°C.
NOTA: Non si tratta di una classica pasta frolla,l’aggiunta di lievito e di albumi nell’impasto rende la frolla croccante,mandorle e spezie l’arricchiscono in sapore.
8 Comments
  • Che bella! Questa pasta frolla “insolita” mi intriga parecchio! E anche la marmellata della versione “a modo tuo”!

    27 febbraio 2009 at 7:54
  • Virò
    Rispondi

    Concordo con Jelly: d’ora in poi la mia frolla sarà più profumata!

    27 febbraio 2009 at 9:31
  • Bella e buona…non ho mai provato la frolla speziata credo però che deve essere un chicca…grazie dell’idea la proverò sicuro,complimenti…
    ciaoooo e buon fine sett Lady cocca

    27 febbraio 2009 at 9:05
  • O mamma!
    Io e la linzer abbiamo un problema..nel senso che dopo le torte di mele..è quella di cui ho più ricette in archivio..ne provo una nuova ogni volta e chissà mai se riuscirò in tutta la vita a provarle tutte..ma ci sta anche la tua!!
    😉
    GRazie.

    27 febbraio 2009 at 10:23
  • io ieri sono passata in ondadori a milano e avrei preso millelibri! ma quelli di dolci della’lto adige mi mancanO!:Dprrovvedero’ intanto complimetnissimi!!!

    genny
    http://www.alcibocommestibile.blogspot.com

    27 febbraio 2009 at 12:47
  • Che bellissima frolla! La ricetta e la fotografia mi ispirano molto. Anneliese Kompatscher e la sua ricetta devono essere altoatesine.
    Anzi, ora vedo la sua biografia e ne sono certa al 100%, è nata a Fiè allo Sciliar (BZ).

    Vivo in Trentino da qualche anno e non ne avevo sentito parlare.
    Per riparare cercherò un libro di Anneliese Kompatscher, di sicuro, grazie per la segnalazione!

    28 febbraio 2009 at 21:36
  • non l’ho mai fatta ma da l’aspetto è spettacolare!

    3 marzo 2009 at 13:46

Post a Comment