Farina Petra 9: Ravioli di patate e burrata con pomodorini confit su vellutata di broccolo romanesco - La Fucina Culinaria
87
post-template-default,single,single-post,postid-87,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Farina Petra 9: Ravioli di patate e burrata con pomodorini confit su vellutata di broccolo romanesco

Esperimenti con la farina Petra 9 del Molino Quaglia!
La Petra 9 l’ho usata per preparare la pasta fresca ed in particolare questi ravioli con ripieno di patate e burrata che riscuotono sempre grande successo in casa la Fucina culinaria!
Anche la Petra 9,come le altre tipologie di farine del Molino Quaglia,non ha deluso le mie aspettative:impasto perfetto,la pasta sono riuscita a stenderla agevolemente,ma la cosa che mi ha colpito è stato il fatto che nonostante io abbia impiegato tempo a confezionare i ravioli,la pasta già stesa non si è  seccata,come mi era capitato in altre occasioni, e ciò mi ha permesso di non avere scarto o di dover stendere la pasta in più riprese.
E vogliamo parlare di quella consistenza ruvida e rustica della pasta che ben si spovava con il morbido ripieno interno,che andavo cercando e che ho ritrovato al primo assaggio!!!

Ravioli di patate e burrata con pomodorini confit su vellutata di broccolo  romanesco

Ingredienti per 6 persone:
Per la sfoglia
330g di farina Petra 9
3 uova XL

Per il ripieno dei ravioli
4 patate grandi
350g di burrata
50-60 di parmigiano gratuggiato
sale
pepe
olio evo

Inoltre
pomodorini confit
mezzo broccolo romanesco
cipolla
sale
pepe
olio evo

Procedimento
Per il ripieni dei ravioli
Cuocere le patate con la buccia nella pentola pentola a pressione,pelarle e passarle due volte allo schiacciapatate.
Metterle le patate schiacciate  in una terrina,aggiungere la burrata tagliata a pezzetti,due belle manciate di parmigiano,salare,pepare,aggingere un filo di olio evo ed amalgamare il composto. E’ preferibile lasciare  riposare una notte in frigo.
Per la pasta fresca
Il giorno dopo quindi,impastare,tirare la sfoglia,stenderla e realizzare i ravioli aiutandosi con un coccapasta tondo del diam di 5-6cm.
Per la vellutata di broccolo romanesco
Mettere in una piccola pentola mezza cipolla di tropea affettata sottile e farla soffriggere con un goccio di olio,aggiungere le cime di mezzo broccolo (grande) e coprire di acqua.
Quando il broccolo risulta cotto,frullare il tutto salando e mettendo un altro poco di olio.

Infine cuocere i ravioli,scolarli e saltarli in padella con un goccio di olio ed i pomodorini.
Mettere la vellutata calda a specchio sul piatto, 5/6 ravioli e servire!!

Vi ricordo che il Molino Quaglia e le sue magnifiche farine le potete trovare da oggi fino a mercoledì 23 gennaio al SIGEP di Rimini con tante novità:

AL SIGEP 2013 CON PETRA E IL MOLINO QUAGLIA
PRESENTATA LA LINEA PETRAVIVA® LEGATA AGLI ALIMENTI FUNZIONALI
DIMOSTRAZIONI E DEGUSTAZIONI CON SARA PAPA E CORRADO ASSENZA
Grano 100% italiano, lievito madre, farina macinata a pietra, pasticceria dinamica®, pasta sfoglia con meno grassi, pizza per appassionati gourmet, cereali germinati, i nuovi corsi di Università della pizza®, gli ospiti d’eccezione e i maestri con le mani in pasta. Questi gli “ingredienti” che il Molino Quaglia svelerà nell’ambito dell’edizione 2013 del Sigep di Rimini previsto dal 19 al 23 gennaio.

Nello stand 2 (Hall B5D5) sarà possibile conoscere da vicino lungo tutto l’arco della manifestazione i progetti e le novità proposte dal Molino Quaglia nell’ambito dei settori pasticceria, panificazione e pizzeria. E così si parlerà di pasticceria dinamica® con Corrado Assenza, di pasticceria contemporanea con Luca Cantarin, di impasti senza glutine e dolci lievitati con Francesca e Rolando Morandin. E ancora, in tema di panificazione, della riscoperta del grano con Nicola Trentin, di impasti per il pane con Federica Racinelli, della preparazione del pane a casa con Sara Papa. E se in fatto di pizza non mancheranno interventi e degustazioni con Gianni Dodaj, Roberto Ghisolfi e Riccardo Scajoli, tutti questi ambiti saranno accomunati dal progetto “PetraViva®: dai cereali germinati al lievito madre” che verrà presentato proprio in anteprima nazionale al Sigep 2013.

La linea PetraViva® costituita da cereali e legumi germinati, interi o sfarinati, è la nuova frontiera dell’alimentazione che aumenta il benessere della persona. Per questo il Molino cresce con un nuovo impianto di produzione pilota, dove presto nasceranno gli ingredienti dei prodotti da forno di domani. L’idea è quella di lavorare nella direzione di un cibo funzionale in grado di apportare negli alimenti quegli elementi nutritivi e curativi che aiutano il benessere dell’organismo. Il progetto, nato sulla base delle riflessioni emerse nel 2006 nell’ambito del convegno su Alimentazione e Salute in cui il Molino Quaglia ha esposto i legami tra le farine e i prodotti funzionali, prevede anche la realizzazione di una macchina incubatrice per il lievito madre liquido che sarà presentata come novità al Sigep.

Il Molino Quaglia nasce nel 1914 e da sempre vanta una spiccata abilità nel combinare le selezioni di grano più adatte alle caratteristiche di ogni farina, realizzando controlli capillari in ogni fase di lavorazione. Il Molino Quaglia sviluppa inoltre progetti che credono nella crescita professionale e nell’imprenditoria personale diffondendo le migliori tecniche per sfruttare al massimo le proprie farine, al fine di creare un prodotto sopra la media che esalti il valore delle materie prime e del lavoro umano. Ed è proprio attraverso l’innovazione del processo produttivo che il Molino Quaglia mette sul mercato nuovi prodotti. Proprio attraverso il processo produttivo che cambia la struttura e rende più appetibile il prodotto finale si migliorano gli aspetti nutrizionali e gustativi dello stesso. 

3 Comments
  • wow…ti faccio i miei più sentiti complimenti. E’ un piatto che sento nelle mie corde! Baci

    19 gennaio 2013 at 16:18
  • …. Vabbè ma allora dillo che mi inviti a pranzo:)
    Un bacio e felice WE

    19 gennaio 2013 at 16:33
  • Convincente in tutto!
    Mi piace il raviolo, rustico e pieno nel sapore, mi piace la salsa.
    Un piatto pulito…..e intelligente.

    Un saluto ligure

    Fabi

    20 gennaio 2013 at 11:01

Post a Comment