tre frutti,tre farciture,tre strudel: un dessert perfetto! - La Fucina Culinaria
320
post-template-default,single,single-post,postid-320,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

tre frutti,tre farciture,tre strudel: un dessert perfetto!


Ormai non speravo più di rientrare in possesso del PC,ma giustamente anche l’altro proprietario ogni tanto lo reclama per lui!!
Questa variazione di strudel era da qualche tempo che mi frullava per la testa, se non mi fossi presa la polmonite,credo che sarebbe stato il dolce per il mio compleanno,ma ho preferito posticipare,perchè volevo godermi la sua preparazione e la successiva “degustazione”!
Io adoro lo strudel,quando vado in montagna vivrei cibandomi di solo strudel!
La variazione di strudel l’ho così composta:

strudel di mele renette e confettura di albicocche accompagnato da crema pasticcera calda

strudel di crema con scorzette di arancia accompagnato da sorbetto agli agrumi

strudel di pasta al cacao con pere al cardamomo servito con barolo chinato

La pasta da strudel è di Sadler, le farciture di arancia e mele sono adattamenti di ricette di Sadler e Nadia Santini,il terzo strudel è di mia invenzione ed infatti ha bisogno di qualche modifica,perchè si è seccato troppo in cottura.

PASTA da STRUDEL (Ricetta di Sadler)

Ingredienti:

225g di farina
40g di burro
1 uovo
Un pizzico di sale
Acqua tiepida q.b

Procedimento:
fare la fontana con la farina,mettere all’interno l’uovo sbattuto,il burro fuso , il sale ed un poco di acqua ed iniziare ad impastare.se l’impasto si presenta troppo duro,aggiungere lentamente altra acqua.
Lasciare riposare coperto almeno 30min.
Prendere un cannovaccio,infarinarlo ed con l’aiuto del matterello prima e delle mani poi stendere l’impasto in una sfoglia sottilissima.

STRUDEL AGLI AGRUMI (ricetta di Sadler con mie modifiche)

Ingredienti:
150g di pasta da strudel
100g di burro fuso
150g di crema pasticcera
Scorzette di arancia candite

Procedimento:
Unire le scorzette alla crema pasticcera.
Tenere la pasta stesa sul cannovaccio infarinato,disporre la crema sul lato più lungo,arrotolare la pasta su se stessa e spennellarla con del burro fuso.
Cuocere in forno a 200°C per 30min spennellando ogni 10min con altro burro.
Servire con sorbetto di agrumi e salsa di fragole.

STRUDEL alle MELE (ricetta del Ristorante DAL PESCATORE con mie modifiche)

Ingredienti:
150g di pasta da strudel
4 mele renette
40g di burro
40g di zucchero
Confettura di albicocche
Scorza di arancia e limone (verde)
Chiodi di garofano q.b
Cannella q.b
30g di burro
2 cucchiai di pan grattato

Procedimento:
Pelare le mele renette,tagliarle in grossi pezzi e saltarle in padella con il burro e lo zucchero,unire la scorza degli agrumi e le spezie.Cuocere fino a quando le mele si sono ben caramellate.
Togliere dal fuoco e mettere le mele da parte.
Scaldare i 30g di burro con i due cucchiai di pan grattato.
Stendere la pasta molto sottile su di un cannovaccio infarinato,cospargere con il pane grattuggiato intriso di burro,che farà da isolante,assorbendo l’acqua rilasciata dalla frutta.
Coprire la pasta con la marmellata di albicocche e poi con le mele,infine arrotolare la pasta su se stessa aiutandosi con il cannovaccio.
Pennellare la pasta con del burro fuso.
Cuocere in forno a 200°C per 30min spennellando ogni 10min con altro burro.

STRUDEL di PASTA AL CACAO con PERE al CARDAMOMO

Pasta da strudel

Ingredienti:
100g di farina
15g di cacao amaro
20g di burro
1 uovo di piccole dimensioni
Un pizzico di sale
Acqua tiepida q.b

Procedimento:
fare la fontana con la farina ed il cacao,mettere all’interno l’uovo sbattuto,il burro fuso,il sale ed un poco di acqua ed iniziare ad impastare,se l’impasto si dovesse presentare troppo duro,aggiungere lentamente altra acqua.
Lasciare riposare coperto almeno 30min.
Prendere un cannovaccio,infarinarlo ed con l’aiuto del matterello prima e delle mani poi stendere l’impasto in una sfoglia sottilissima.

FARCITURA:

Ingredienti:
2/3 pere
20g di burro
20g di zucchero
cardamomo q.b
30g di burro
2 cucchiai di pan grattato

Procedimento:
Pelare le pere,tagliarle a dadini e saltarle in padella con il burro e lo zucchero,unire il cardamomo e cuocere fino a quando si sono ben caramellate.
Togliere dal fuoco e mettere le mele da parte.
Scaldare i 30g di burro con i due cucchiai di pan grattato.
Stendere la pasta molto sottile su di un cannovaccio infarinato,cospargere con il pane grattuggiato intriso di burro,che farà da isolante,assorbendo l’acqua rilasciata dalla frutta.
Coprire la pasta con le pere,infine arrotolare la pasta su se stessa aiutandosi con il cannovaccio.
Pennellare la pasta con del burro fuso.
Cuocere in forno a 200°C per 30min spennellando ogni 10min con altro burro.

11 Comments
  • Virò
    Rispondi

    Chissà perchè sono sempre stata convinta che la sfoglia dello strudel fosse un impasto al di fuori della mia portata…invece dalle tue indicazioni sembra fattibilissima! I ripieni sono tutti interessanti: una volta preparato l’involucro l’interno diventa un trionfo di fantasia!…

    17 marzo 2009 at 7:50
  • Pure io pensavo che la pasta da strudel fosse qualcosa di irraggiungibile….quale sceglerei? quello con le mele renette.
    un bacio bedda!

    17 marzo 2009 at 9:40
  • Attentato attentato….mi mangerei due fette..per non dire mezzo strudel per gusto.
    Grazie segno tutto.
    ciao

    17 marzo 2009 at 11:42
  • Mi piacciono molto tutti e tre, anche quello di tua invenzione percè trovo irresistibile l’abbinamento pere-cacao; e mi piacciono molto gli abbinamenti. Soprattutto con la crema calda. Complimenti davvero, anche per la pazienza di prepararne tre insieme, oltre ai vari accompagnamenti. Buona giornata Giovanna

    17 marzo 2009 at 12:06
  • che bella variazione, complimenti!!!

    17 marzo 2009 at 12:17
  • La pasta dello strudel va stesa sottilissima,quasi un velo trasparente.La parte difficile è riuscire a non romperla.
    io la tiro sottile con il matterello e poi la allargo con le mani.
    Il cannovaccio è fondamentale per arrotolarlo senza rompere la pasta che è fragile e sotto il peso del ripieno tende a rompersi.
    Trovo che l’accorgimento di Sadler di imburrare lo strudel durante la cottura per evitare che la pasta si secchi troppo sia geniale!e va bene anche per lo strudel di mele che rilascia più umidità di quello alla crema.

    17 marzo 2009 at 21:29
  • Anonymous
    Rispondi

    io ero fra quelli che nel post precedente aveva votato “strudel” quindi ti ringrazio e sono contentissima! proverò la pasta di Sadler quanto prima. Anch’io sono una fan di Sadler e… non so se hai visto che “I grandi chef” del sole 24 ore continua con 4 volumi su Sadler divisi per portate! Non vedo l’ora di averli!
    Annette

    18 marzo 2009 at 14:43
  • Mi piacciono i dolci con le mele. Quindi anch’io adoro lo strudel. Quello semplice semplice, stradizionale però, fatto con mele, uvetta, pinoli, odore di cannella……

    Vuoi provare a farmi cambiare idea???

    18 marzo 2009 at 18:48
  • Anonymous
    Rispondi

    ma dove lo trovo il cardamomo????

    21 marzo 2009 at 13:00
  • Anonimo,il cardamomo lo trovi nelle drogherie ben fornite,nei negozi etnici,ma spesso anche i negozi che vendono tè lo vendono.

    22 marzo 2009 at 14:56
  • cris
    Rispondi

    ciao.proprio adesso sto provando di fare questo dolce.volevo sapere se lo strudel si porziona prima di metterlo in forno o dopo?grazie

    28 ottobre 2009 at 8:44

Post a Comment