Sformatino di panettone con salsa alla vaniglia e clementini - La Fucina Culinaria
330
post-template-default,single,single-post,postid-330,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Sformatino di panettone con salsa alla vaniglia e clementini

Panettone avanzato?
Questa ricetta di Sadler è la mia preferita per il “riciclo” del panettone.
L’impasto di base deve riposare un giorno in frigorifero,quindi si può preparare con calma per poi gustarselo caldo il giorno seguente in tutta tranquillità!

Sformatino di panettone con salsa alla vaniglia


Ingredienti (per 6-8 sformatini)
160g di panettone tagliato a dadini
30g di Cointreau
3 tuorli
2 uova
100g di burro
75g di cioccolato bianco
50g di zucchero
50g di farina.

Procedimento:
In una ciotola intridere il panettone a pezzettini con il liquore.Nell’ impastatrice montare i tuorli , le uova e lo zucchero fino ad ottenere un composto montato e soffice.
A bagnomaria sciogliere il burro ed il cioccolato bianco ed incorporarlo molto, molto lentamente al composto di uova.
Con una frusta incorporare la farina ed i pezzetti di panettone.
Mettere il composto in frigo e lasciarlo per un giorno.
Il giorno dopo, imburrare ed infarinare generosamente degli stampini tipo quelli da creme caramel, versarvi del composto (fino a tre quarti della capacità) e cuocere in forno a 180°C per 15-20 minuti.

salsa alla vaniglia

Ingredienti
2 tuorli
50g di zucchero
125g di latte
1 baccello di vaniglia

Procedimento:
far bollire il latte con il baccello della vaniglia inciso.
Sbattere senza far schiuma i tuorli con lo zucchero.
Versare il latte sui tuorli e cuocere fino a quando il composto vela il cucchiaio.
Far raffreddare

Decorazione
zucchero a velo
clementini
anice stellato
baccello di vaniglia

In un piatto versare qualche cucchiaio di crema alla vaniglia,appoggiare nel centro del piatto il tortino caldo,guarnire con spicchi di clementini,spolverizzare con zucchero a velo e se piace decorare con un baccello di vaniglia ed anice stellato.

7 Comments
  • Questa, insieme al tortino con mandorle e limone sono le due ricette di Sadler che ho in cantiere da secoli e che non ho mai fatto. Ho surgelato una buona serie di panettoni malriusciti (ahimè) che però al gusto sono buoni. Devo provarla…

    28 gennaio 2009 at 18:18
  • Virò
    Rispondi

    Sono capitata su questo blog per caso(seguendo la mia golosità)e devo dire che mi piace tantissimo!
    Questo riciclo del panettone poi è fantastico: lo proverò con il pandoro che giace triste nella mia dispensa! A proposito: accanto al pandoro sonnacchiano anche due torroni di cioccolato alle nocciole…non è che mi dai un’altra idea delle tue per utilizzarli? Grazie in anticipo…

    30 gennaio 2009 at 10:25
  • Virginia: entrambe le ricette che hai citato sono ottime.
    Il tortino l’ho fatto e pubblicato a giugno della scorso anno.
    Credo si percepisca la mia passione per le ricette di Sadler!!

    Virò:benvenuta e mi fa piacere che il mio blog ti piaccia.
    Per la sostituzione con il pandoro,si può fare a patto che aggiungi uvette e scorze di arancio candite,altrimenti perdi la parte aromatica del dolce e rischi che prevalga solo la parte grassa.
    per il torrone al cioccolato io proverei a fare un semifreddo,oppure lo farei a pezzettini e lo metterei in una crema pasticcera calda servita con una bella fetta di pandoro.

    30 gennaio 2009 at 13:31
  • Gran bella ricetta…Spesso le variazioni per il recupero di qualcosa producono dolic stratosferici e belli nell’aspetto e nel sapore.Credo che questo rientri completamente….

    31 gennaio 2009 at 8:14
  • Ritina, mi insegni a mettere le scritte sulle foto? Sono cosi deliziose le tue…..

    1 febbraio 2009 at 8:47
  • Complimenti per la tua ricetta che da fame….

    1 febbraio 2009 at 18:28

Post a Comment