Crostata di albicocche,mandorle e pistacchi - La Fucina Culinaria
299
post-template-default,single,single-post,postid-299,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Crostata di albicocche,mandorle e pistacchi

Forse non tutti sanno che Christine Ferber oltre al libro ” Mes confitures” in cui svela tutti i segreti per realizzare in casa le sue mitiche marmellate,ha scritto anche “Mes tartes sucrées et salées” dove,sulla falsa riga del libro delle marmellate, prepara golose torte dolci e salate con la frutta e gli ortaggi di stagione.
Questi due libri in casa mia viaggiano in coppia,perciò dopo aver preparato la marmellata di albicocche,con quelle rimaste ho preparato la crostata della foto.
Non ho seguito alla lettera la ricetta della Ferber,diciamo che l’ho alleggerita in zuccheri e grassi ottenendo comunque un risultato molto gradevole.

Crostata di albicocche,mandorle e pistacchi
Ingredienti:
250g di pasta frolla
5-6 albicocche mature
10-12 mandorle intere con la buccia
Miele di acacia
25g di pistacchi finemente tritati
Pistacchi (per decorare)
Crema di mandorle realizzata con:
75g di burro morbido
60g di zucchero a velo
75g di farina di mandorle
30g di farina 00
75g di uova

Procedimento:
Stendere la pasta frolla ad uno spessore di 2-3 mm e rivestire uno stampo da crostata dal diametro di 24cm. Togliere la pasta in eccesso e porre lo stampo in frigo.
Preparare la crema di mandorle,lavorando a crema il burro con lo zucchero,aggiungere le uova e mescolare,infine unire le due farine precedentemente setacciate insieme.
Volendo la crema di mandorle può essere aromatizzata con scorza di limone o arancia.
Unire la farina di pistacchi.
Lavare le albicocche,asciugarle,dividerle a metà,togliere il nocciolo.
Riprendere lo stampo con la pasta frolla,ricoprire la superficie con la crema di mandorle,livellare bene e disporre le albicocche a raggiera con l’incavo rivolto verso l’alto
Inserire nell’incavo miele ed una mandorla e volendo pistacchi tutt’intorno
Cuocere in forno a 180°C per 30-40 min o fino a quando la pasta frolla non appare dorata e la crema colorita e leggermente gonfia,ma soda al tatto.
Togliere dal forno,fare raffreddare e spolverizzare con zucchero a velo.

11 Comments
  • complimneti, bellissima questa crostata, mi piace molto la ricetta !! ciao !

    1 luglio 2009 at 6:28
  • questa sarà fantastica. Io adoro al Ferber per le sue marmellate, anche se non ho il libro perchè di francese non ci capisco moltissimo.La marmellata di albicocche l’ho fatta a modo mio, adesso mi toccherà provarla questa crostata.
    Grazie bedda!

    1 luglio 2009 at 6:47
  • Che bellissima crostata! Complimenti!

    1 luglio 2009 at 8:12
  • Ottima…ho proprio tutto a casa per provarla!!!
    Grazie della dritta…ciaooo

    1 luglio 2009 at 8:29
  • Già mi son segnata quella di mele noci e pistacchi..ed ovviamente anche questa..l’abbinata albicocche pistacchi..l’ho provata e mi è pure piaciuta.

    1 luglio 2009 at 9:19
  • Proprio oggi devo consultare il libro della Ferber per smaltire qualche chilo di pesche che a breve matureranno tutte assieme.
    Però potrei destinarne una parte per fare questa bellissima… le albicocche le ho finite :o)

    Ciao,
    Simona

    1 luglio 2009 at 11:15
  • Come hai fatto a sapere che sono in periodo di passione sncora piu’ sfrenata per la frolla?
    Questa preparazione la trovo irresistibile!!!

    Capperi! questi due libri mi mancano….credi che riusciro’ a resistere 5 minuti prima di ordinarmeli al volo?

    1 luglio 2009 at 12:22
  • manoela
    Rispondi

    bellissima…ecco come utilizzare le albicocche 🙂
    che frolla hai usato?

    1 luglio 2009 at 20:45
  • Ti ho appena scoperta ,leggendo la tua ricetta su panperfocaccia ,vedo che non ti fai mancare nulla e le tue ricette vanno alla grande , ti ho messa tra i miei blog che seguo e lo faro’ attentamante buona giornata Annamaria.

    3 luglio 2009 at 4:54
  • manoela
    Rispondi

    provata oggi

    bella e buona 🙂
    Grazie

    7 luglio 2009 at 15:12
  • Buonissima, Rita.. la provo senz’altro!!!

    3 maggio 2013 at 11:24

Post a Comment