Gnocchi di patate Vitelotte - La Fucina Culinaria
240
post-template-default,single,single-post,postid-240,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Gnocchi di patate Vitelotte

“Vitelotte,Vitellotte!”
Sappiate che dietro a questa esclamazione,che in realtà è un messaggio in codice per un lettore,si celano grandi speranze agronomiche e culinarie!
Le Vitelotte sono delle piccole patate bitorzolute a pasta viola.
Si vedono spesso fatte a chips come elementi decorativi nei piatti dei grandi chef.
Le Vitelotte di cui sono stata omaggiata sono diventate gnocchi e che gnocchi!

Un impasto da manuale:sodo,asciutto che prende la forma e la tiene perfettamente in cottura.
Del colore ne vogliamo parlare? stupendo ed assolutamente trendy,immancabile sulla tavola di una foodblogger del 2010!!
e allora:”Vitelotte,Vitelotte!” ovvero, occorre altra campionatura per ripetere gli esperimenti culinari!

Gnocchi di patate (gialle,rosse,viola)
Ingredienti:
1Kg di patate
300g di farina

Procediemento:
Cuocere le patate in abbondante acqua salata.
A cottura avvenuta,pelare le patate,farle raffreddare,schiacchiarle con lo schiacchiapatate su di un piano di lavoro.
Impastare velocemente con la farina.
Prendere dei pezzi di impasto,con le mani formare dei lunghi cilindri,con un coltello taglarli in piccoli pezzi e con una grattugia o un rigagnocchi formare i gnocchi.
Cuocere i gnocchi in acqua bollente salata,con un colino rimuoverli dall’acqua appena salgono in superficie.
Condirli a piacere.

13 Comments
  • Queste patate le conosco, in Inghilterra sono molto comuni e quando vado a Londra dai miei ragazzi le cucino sempre come le nostre patate normali.
    Però sono degli gnocchi molto belli.
    Mandi

    6 maggio 2010 at 20:54
  • ciao Rosetta,
    infatti a parte il colore sono proprio come le patate a pasta gialla a cui siamo abituati.

    6 maggio 2010 at 21:12
  • Le ho comprate ieri senza sapere come si chiamano… Domani ci provo!!!

    6 maggio 2010 at 22:22
  • Le ho comprate ieri senza sapere come si chiamano… Domani ci provo!!!

    6 maggio 2010 at 22:22
  • ;-o nn le avevo mai viste!!! spettacolo questi gnocchetti!!!

    7 maggio 2010 at 18:29
  • Anonymous
    Rispondi

    ciao, sono Gaia da Bologna… mi potete dire dove trovare queste patate a bologna o provincia? mi servirebbero… e con una certa urgenza! sono troppo belle!!!!!

    8 maggio 2010 at 6:23
  • Gaia,a me le hanno regalate e quindi non posso aiutarti! Mi dispiace

    8 maggio 2010 at 8:53
  • gaia
    Rispondi

    grazie lo stesso.. insisterò nella caccia!

    8 maggio 2010 at 9:06
  • Ciao! Che gnocchi fantasiosi e favolosi, sono adorabili!!
    Sono felice di aver trovato il tuo interessantissimo blog,

    un saluto
    manuela

    8 maggio 2010 at 12:36
  • Mi spiace che siamo un po’ distanti, oltre alla Vitelotte avrei altre verdure “strane” da fornirti per prove culinarie.

    Coltivo anche il Cayote (C.ficifolia) con semi ricevuti anni fa’ da Marcela.

    Paolo

    19 luglio 2010 at 22:12
  • Le patate Vitelotte sono una vera bontà! Le abbiamo proposte da poco ed abbiamo riscontrato un grande successo. I consumatori sono molto curiosi! Seguiteci su Facebook (facebook.com/madecogrottedicastro). In bacheca parliamo spesso delle patate Vitelotte!
    La ricetta degli gnocchi di patate Vitelotte è molto buona!!!!

    5 ottobre 2011 at 11:13
  • ciao anchio oggi ho fatto gli gnocchi viola ma le mie non erano tanto viola e mi si sono sfatti..nonostante avessi messo anche 1 uovo..sembrava un mezzo purè con qualche parte più soda..buono ma un disatro dall’aspetto…secondo voi perchè???

    3 novembre 2013 at 16:44
  • Ciao Ivana,
    a volte con le patate succede che facciano degli scherzetti!!
    La prossima volta,ti consiglio,di schiacciarle efarle raffreddare completamente poi aggiungi farina mentre impasti e se non bastano i 300g su kg aggiungene altra.Di solito funziona.
    Rita

    3 novembre 2013 at 17:22

Post a Comment