Torta croissant - La Fucina Culinaria
149
post-template-default,single,single-post,postid-149,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Torta croissant

Non tutto riesce sempre perfetto nella cucina della Fucina culinaria!
A volte anche se i propositi sono i migliori,la ricetta viene da un blog di una Maestra,le materie prime sono il top, i croissants li hai già fatti diverse volte con buoni risultati,ti accorgi che l’imprevisto dietro l’angolo può sempre esserci!
In una lunghissima giornata di neve (nel giardino della Fucina abbiamo misurato 80cm!) ho deciso di provare i croissants di Paoletta.
Già dai giri di piega avevo notato che la pasta risultava piuttosto elastica e reticente a lasciarsi maneggiare,ma la conferma l’ho avuta al momento di stenderla per ricavare i triangoli,ingestibile,tanto io la tiravo,tanto lei si ritraeva,un elastico vero e proprio!
Ci si potevano fare gli esercizi di fisica anche di educazione fisica!
Appurato che realizzare croissants degni di nome era impensabile,non mi sono fatta scoraggiare e ho steso un velo di marmellata sulla pasta,l’ho arrotolata,tagliato delle fette spesse e ricavato una sorta di torta di rose,rinominata,Torta Croissant.
Vi devo dire che nonostante dalla prima foto la torta sembra anche bruciata,cosa che non lo era se non in quel punto,era proprio buona,morbida e soffice anche dopo 2 giorni!!

Mi sono interrogata su cosa potesse aver reso così elastico l’impasto,secondo me è stato l’utilizzo della farina buratto del Mulino Marino usata al posto della manitoba,forse questa farina ideale per pane e pizza ha un po’ troppo “nervo” per i croissants!!
Non mi resta che riprovare con un’altro tipo di farina,ci dovremo sacrificare a mangiare degli altri croissants!!

CROISSANT PROFUMATI di Paoletta
Io riporto gli ingredienti,per il procedimento vi consiglio di seguire il dettagliatissimo post di Paoletta:
http://aniceecannella.blogspot.com/2010/01/croissant-atto-ii.html

Importante prima di iniziare: impostare la temperatura del frigo tra i 4° / 6°
Ingredienti:
275 gr di manitoba
275 gr di 00
15 gr di lievito di birra fresco
10 gr di sale
90 gr di zucchero
1 tuorlo
170 gr di acqua
115/125 gr di latte
30 gr di burro
Aromi:
1 buccia d’arancia grattugiata (o limone)
1 cucchiaio di rhum
1 cucchiaino estratto di vaniglia home-made (o la raschiatura di un baccello)

Inoltre:
290 gr di burro per i “giri”
1 uovo per la spennellatura finale

Altre due foto della torta con candelina per il gioco-ompleanno della Ross,la capa di Coquinaria

Ecco uno dei miseri croissant che sono riuscita a realizzare,un obrobrio rispetto alle meraviglie di Anice e Cannella.

7 Comments
  • Da quello che era un errore iniziale hai tirato fuori una super torta, sei stata bravissima, io molto probabilmente avrei buttato tutto scoraggiata 😉

    7 febbraio 2012 at 11:13
  • non posso guardarla…è troppo golosaaaaaaaaa!!

    7 febbraio 2012 at 12:32
  • Una brava pasticcera come te ha sempre delle risorse!!!
    A me quel croissant sembra molto appetibile!!

    7 febbraio 2012 at 15:50
  • ma sei sicura di quello che dici??il croissant mi sembra perfetto!!complimenti per il blog…e ti seguo..ciaoo

    7 febbraio 2012 at 16:17
  • bellissima idea la torta! con questa neve accendere il forno è così rilassante 🙂

    7 febbraio 2012 at 16:49
  • mamma mia che meraviglia!!baciiiiiiiiii!

    7 febbraio 2012 at 19:26
  • sarà anche un tantino bruciacchiata, ma l’interno è strafavoloso! E poi che sfogliatura! complimenti per l’idea geniale!

    Spery di “babà che bontà”

    7 febbraio 2012 at 19:51

Post a Comment