Nuvole di mascarpone - La Fucina Culinaria
335
post-template-default,single,single-post,postid-335,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Nuvole di mascarpone


L’ultimo giorno dell’anno mi ha regalato una sorpresa “culinaria”: la crema di mascarpone che inseguivo da tempo!
Il merito è tutto di Carlo Cracco e della sua ricetta pubblicata sul numero di Cucina& Vini di Dicembre.
Una ricetta,che avevo scelto,perchè semplice , veloce e con ingredienti comuni,abbastanza distante dalla cucina di Cracco a cui siamo abituati.
Durante la lavorazione,la sopresa:nella ciotola si è formata una “nuvola”,una crema sofficissima,aerea,dolce senza essere stucchevole.
Una crema di mascarpone,che ha immediatamente scalato la mia personale classifica di gradimento delle creme di mascarpone.
Una ricetta di un grande cuoco!

Nuvole di mascarpone
Ingredienti per 4-6 persone
250g di mascarpone
1 albume
50g di zucchero
225g di panna fresca
2g di colla di pesce
100g di pandoro senza la crosta
100g di cacao amaro
100g di granella di nocciole

gherigli di noci avvolti nel caramello
500g di liquore nocino,fatti ridurre sul fuoco della metà oppure crema inglese

Procedimento:
Montare l’albume con lo zucchero ed ottenere un composto ben fermo.
Scaldare 25g di panna e scioglievi la cola di pesce,già ammorbidita in acqua fredda.
Versarla a filo sul mascarpone,sempre mescolando.
Montare la panna restante ed incorporarla delicatamente al mascarpone e per ultimo unire l’albume.
Mettere la massa ottenuta in una sacca à poche e lasciarla raffreddare in frigorifero.
In un contenitore mescolare il pandoro frullato con il cacao ela granella di nocciole. Disporre su di una placca e con la sacca,far scendere un poco di composto sul pandoro,impanandolo omogeneamente,quindi modellare a sfera,se piace.
In un piatto mettere la riduzione di nocino o crema inglese,adagiarvi tre sfere di mascarpone e guarnire con i gherigli di noce avvolti nel caramello.

NOTA: è una valida alternativa per riciclare in modo goloso del pandoro avanzato.

12 Comments
  • Rita, che meraviglia!

    1 gennaio 2009 at 22:45
  • Wowww… bellissimo regalo hai fatto tu a noi con questa meraviglia.. te la copierò senz’altro, anche se dubito di avere gli stessi tuoi spettacolari risultati, grazie e auguri per un 2009 pieno di cose belle!

    2 gennaio 2009 at 12:51
  • Che chiccheria, rita! E che decorazione! Brava, brava, brava! te la copio al volo!

    2 gennaio 2009 at 13:52
  • Posso tuffarmici?? Bellissimo dessert, da copiare!

    2 gennaio 2009 at 16:43
  • posso solo immagginare che successone!!
    auguri per il nuovo anno

    3 gennaio 2009 at 12:02
  • una bellissima ricetta e la presentazione di grand effetto!

    4 gennaio 2009 at 9:52
  • Grazie,siete sempre gentilissime nei miei confronti!un bacio

    7 gennaio 2009 at 21:34
  • ok…forse non è l’orario migliore per aver scoperto il tuo blog…ho divorato tutte le pagine dalla prima all’ultima…e adesso che fameee!!! 🙂
    complimenti veramente, per questa ricetta e anche per le altre!!
    corro a metterti fra i blog preferiti all’interno del mio!

    8 gennaio 2009 at 11:38
  • Grazie Kakawa,conosco il tuo blog tramite quello di Pinella ed ho visto che anche tu ci sai fare con la pasticceria!
    Ti linko anch’io e grazie ancora!

    8 gennaio 2009 at 13:32
  • Ciao Rita, se vieni nel mio blog ci sono dei premi per te.

    12 gennaio 2009 at 22:47
  • sono meravigliose… sei bravissima a decorare i tuoi piatti, come dico sempre io anche l’occhio vuole la sua parte… complimenti x il blog

    14 gennaio 2009 at 16:35
  • Anonymous
    Rispondi

    Ciao Rita,passo spesso a vedere le tue meraviglie…sono Simona di Genova,ho provato a fare la tua mousse al mascarpone ed è venuta fuori una crema dal gusto molto”neutro”…deve essere così?Ho usato del mascarpone confezionato della nostra centrale del latte,niente di che…sarà per questo?Grazie,Simona

    24 gennaio 2010 at 20:29

Post a Comment