La brioche di Alda - La Fucina Culinaria
197
post-template-default,single,single-post,postid-197,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La brioche di Alda

Nei miei primi approcci con il lievito madre mi sono cimentata con la pasta brioche.
La ricetta è di Alda Muratore e come tutte le sue ricette è impeccabile.
Se si è dotati di una planetaria/impastatrice la lavorazione non è complessa.
Da principiante io ho avuto difficoltà con i tempi di lievitazione o meglio a capire quando l’impasto era veramente lievitato ma mi sono subito resa conto che
a) con il lievito madre non bisogna avere fretta,si deve pensare “slow”
b) è questione di pratica
ed infatti al 2° tentativo ho ottenuto un risultato davvero soddisfacente come sofficità e sapore.

Brioche con lievito madre di Alda Muratore
Ingredienti:

150 g di lievito madre rinfrescato
500 g di farina
100 g di burro a temp ambiente
75 – 100 g di zucchero
3 uova intere
100 g di acqua
150 g di latte
aromi a piacere (es.scorzette di arancia candita)

Procedimento:
Sciogliere i 150 g di lievito madre nell’acqua indicata e lavorarlo nell’impastatrice. Quando si è ottenuta una crema morbida, aggiungere gli altri ingredienti, alternando mentre il gancio gira, farina, burro, zucchero e di nuovo farina.
Attenzione:
FORSE NON E’ NECESSARIO TUTTO IL LATTE E BISOGNA TENERE CONTO DELLA CAPACITA’ DI ASSORBIMENTO DELLA FARINA.
L’impasto deve comunque risultare morbido ed appicicaticcio.
A questo punto mettere l’impasto in frigo dentro alla ciotola dell’impastatrice coperto dalla pellicola e prenderlo fuori la mattina successiva.
Risulterà morbido, ma elastico e meno appiccicoso rispetto al giorno precedente.
Dare un paio di pieghe e lasciare riposare per un paio di ore.
Infine si può mettere in uno stampo da plum cake e lasciarlo lievitare finché lo riempie bene per benino oppure dividere in pezzetti da 50 -60 g l’uno e ricavarne delle palline o dei cornetti,che fanno fatti lievitare per 1h circa.
Cuocere in forno a 180°C

10 Comments
  • Alda e’ sempre nei nostri cuori…
    complimenti a te che hai realizzato la sua ricetta in modo eccellente,cosi’ tenendo viva la sua memoria..
    anna maria

    21 giugno 2011 at 22:19
  • devo cercare di fare anche io il lievito madre cosi anche io potò iniziare a fare queste delizie…bravissima ottimo risultato..
    by da lia

    21 giugno 2011 at 23:01
  • che bellezze!!! mi sto convincendo sempre di più a provare il lievito madre…non ho molta pazienza, ma quando vedo queste creazioni mi ricredo! complimenti! 😉

    22 giugno 2011 at 5:14
  • Le ricette di Alda sono mitiche!
    Ah che bei tempi quelli del vecchio forum di CI…

    Un sorriso nostalgico,
    D.

    22 giugno 2011 at 6:04
  • oggi rinfresco il mio lievito madre kayser (?) dovrò rivedere le proporzioni dei liquidi, però!

    22 giugno 2011 at 6:08
  • complimenti, questa ricetta è meravigliosa! l’annoto così la provo presto! un bacione! 🙂

    22 giugno 2011 at 8:26
  • dimenticavo… ti ho inserita nell’elenco dei preferiti del mio blog 🙂

    22 giugno 2011 at 8:29
  • Anonymous
    Rispondi

    OLA Bellissima ricetta!
    Nella pausa pranzo ho rinfrescato il mio LM e stasera metto tutto in cantiere.
    Solo un dubbio ed una domanda.
    Il dubbio che ho ogni volta è: rinfresco il LM, lo faccio “maturare” finchè il tagio a croce svanisce e solo in questo momento lo uso e/o lo ripongo in frigo. Corretto o con il termine “rinfrescato” si intende appena rinfrescato ?
    La domanda invece è: visto che sicuramente sarà buonissimo e mia cognata mi chiederà la ricetta con il Lievito di Birra……faccio 25 gr. per 500 gr. di farina e non modifico nessun’ altra quantità (farina, latte, etc..)?.
    GRAZIE ancora e complimenti.
    SMIIIILE
    Lucy 64

    22 giugno 2011 at 12:41
  • fantastico poter iniziare la giornata con una di queste brioche

    22 giugno 2011 at 19:50
  • @Diletta: anch’io ho nostalgia di quei tempi ed Alda è stata un punto di riferimento importante per me.
    @Lucy64: rinfrescato vuol dire preso dopo la lievitazione,quando la croce sparisce,come hai detto bene tu.
    Per le proprorzioni lievito madre/lievito di birra devo ancora studiare!!
    Per tua cognata sul mio blog c’è la ricetta della treccia di Marina fatta con il lievito di birra,è buonissima ed assomiglia molto a questa brioche.

    22 giugno 2011 at 20:24

Post a Comment