Il plumcake di Eric Sontag - La Fucina Culinaria
194
post-template-default,single,single-post,postid-194,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Il plumcake di Eric Sontag

Devo ammettere che fino a qualche mese fa il nome di Eric Sontag,pasticcere a Reims,mi era totalmente sconosciuto.E’ stato sufficiente il numero di maggio di Thuriès gastronomia per perdermi nelle pagine dedicate ai suoi dolci,uno più accattivante dell’altro.
Di seguito la ricetta del suo plumcake al pistacchio e lamponi o ciliegie come nel mio caso.
Un plumcake molto morbido e leggero come consistenza nonostante il burro non manchi,merito della sostituzione di parte della farina con farina di mandorle e degli albumi introdotti nell’impasto come meringa.
Plumcake al pistacchio e ciliegie di Eric Sontag
Ingredienti:
250g di burro
200g di zucchero a velo
100g di pasta al pistacchio
75g di uova
100g di tuorli
135g di farina 00
185g di farina di mandorle
35g di latte
35g di olio di oliva
135g di albumi
60g di zucchero semolato
ciliegie qb
Procedimento:
Nella ciotola della planetaria lavorare a crema il burro con lo zucchero a velo e  la pasta al pistacchio.
Aggiungere l’uovo,i tuorli,poi incorporare la farina e la farina di mandorle.
Incorporare delicatamente il latte,l’olio ed i bianchi montati a meringa con lo zucchero semolato.
Versare metà del composto in uno stampo precedentemente imburrato ed infarinato,aggiungere alcune ciliegie snocciolate ed infine versare il composto rimanente.
Cuocere in fornoa 160°c per 40 min.
Fare la prova dello stecchino per verificare l’effettiva cottura del dolce.
9 Comments
  • Virò
    Rispondi

    Davvero una bella scoperta questo nuovo chef!

    In mancanza della pasta al pistacchio secondo te si possono utilizzare 100 gr di pistacchi ridotti in polvere nel mixer?

    18 luglio 2011 at 13:24
  • che buono!!! e quell’aroma di pistacchio deve starci divinamente!!! 😉

    18 luglio 2011 at 12:06
  • Capito per caso nel tuo blog. Un bel colpo di fortuna perché é davvero bello, ben curato e ricco di dolcezze come piace a me. Complimenti!
    Neanche io conoscevo questo pasticcere, ora grazie a te si! Un plumcake divino.

    C’é in corso un GIVEAWAY davvero goloso da me, passa se ti va di partecipare! A presto 🙂

    18 luglio 2011 at 12:30
  • Molto buona!!!

    18 luglio 2011 at 13:46
  • Mai sentito nominare … peor’ mi fido di te e mi copio la ricetta 🙂

    18 luglio 2011 at 13:54
  • Che bontà questo plumcake sembra proprio morbidissimo lo proverò sicuramente ! Ciao

    18 luglio 2011 at 17:05
  • mi sono aggiunta a questo bellissimo blog..complimenti..se ti va passa da me ed aggiungiti al mio..

    18 luglio 2011 at 19:00
  • Un benvenuto alle nuove “lettrici” del mio blog.
    @Virò: puoi sostitire le mandorle coni pistacchi,senza problemi.
    La crema influisce anche sul colore finale,ma non è un limite per non fare il dolce.

    18 luglio 2011 at 20:14
  • Per fortuna sono passata di qua e ho potuto scoprire questo pasticcere…Grazie infinite per aver condiviso la ricetta, da provare al più presto (in attesa di un weekend a Reims…ovviamente…) 🙂
    Complimenti e un saluto
    simona

    19 luglio 2011 at 11:52

Post a Comment