Le ciabattine - La Fucina Culinaria
130
post-template-default,single,single-post,postid-130,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Le ciabattine

 Il miglior pane prodotto negli ultimi mesi! Questo è stato il giudizio dei miei due uomini.
Quello che stupisce è che per produrre queste ciabattine ci vuole pochissimo tempo e zero manualità.
La ricetta non è mia ovviamente,ma della mia amica Graziana della Gastronomia Ludvig di Trieste,artefice di mille bontà dolci e salate.
Sono ottime anche mangiate da sole,ma farcite queste ciabattine diventano dei gustosissimi panini per una merenda,una cena veloce o un buffet.
Io riporto la ricetta di Graziana e nonostante la grande quantità vi invito a riprodurla fedelmente,perchè queste ciabattine oltre ad andare a ruba,si possono congelare e con pochi minuti di forno tornano come appena fatte,provato e garantito!!

Le ciabattine di Graziana
Ingredienti:

Preimpasto base

1Kg di farina W 360-380 (io ho usato la Rieper azzurra)
500g di acqua
5g di lievito di birra

Procedimento:
Impastare e lasciar lievitare per circa 12 ore a temp di 15°- 22° oppure per 18 ore in frigorifero

Impasto finale
1505 g di preimpasto
100g di semola rimacinata
250g di acqua
10g di malto in polvere
28g di sale
50g di olio evo

Procedimento:
Impastare a lungo con l’impastatrice fino a quando si è formata la maglia glutinica e risulta un bell’impasto incordato e liscio.
Fare riposare una mezz’oretta a 30° per far rilasciare il glutine e renderlo “domabile”
Stendere l’impasto sulla spianatoia e ricavare dei quandratini della grandezza voluta,io per es ne ho fatti anche alcuni rettangolari.
Spostarli su una placca da forno ben infarinati.
Coprire con un telo e far lievitare per circa 1 ora.
Nota: Mia modifica,prima di infornarle io ho spennellato la superficie dei panini con olio di  oliva e poi li ho ricoperti con semola.
Cuocere a 200° con umidità per circa 12-15 minuti o di più se si vuole una crosta più croccante

6 Comments
  • Questo pane mi intriga molto sarà una delle mie prossime preparazioni!!!
    Grazie per questa delizia.

    11 Aprile 2012 at 19:59
  • Ma lo sai che ho in frigo il primo impasto? che coincidenza…
    Le devo preparare per un buffet, confermo che sono buonissime!
    Ciao

    12 Aprile 2012 at 20:33
  • Luca
    Rispondi

    Qualcuno ha voglia di fare i calcoli per farle con il lievito madre?

    13 Aprile 2012 at 22:46
  • Noi lo ricordiamo ancora il pane fatto da Grazi quando, proprio una Pasqua di tanti anni fa, fummo suoi ospiti, era squisito!

    14 Aprile 2012 at 16:08
  • Sono proprio belle
    ciao

    16 Aprile 2012 at 20:24
  • Sono semplicemente onorata e commossa per la citazione!
    Sono strafelice che vi piaccia questa ricetta che mi ha entusiasmato dalla prima volta che la feci!

    24 Aprile 2012 at 9:23

Post a Comment