Mousse di yoghurt,curd limone e basilico in un bicchierino per il Brunch dell'atleta - La Fucina Culinaria
128
post-template-default,single,single-post,postid-128,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Mousse di yoghurt,curd limone e basilico in un bicchierino per il Brunch dell’atleta

Domenica scorsa a Torino c’ero anche io tra le foodblogger che si sono ritrovate nel ristorante dello chef Nicola Batavia Il Birichin  a cucinare per il Brunch dell’atleta.
L’idea è nata dall’entusiasmo e dalla passione di Nicola Batavia per il suo lavoro che lo vedrà protagonista per la terza volta consecutiva all’interno della Nike Vip House durante le Olimpiadi di Londra 2012.

Già perché Nicola è, a tutti gli effetti, uno chef olimpico dopo aver lavorato sia per Torino 2006 che per Pechino 2008.

Il tema del brunch è stato proprio quello dell’atleta e dello sport e noi foodblogger abbiamo cercato di  interpretare a tavola alcune caratteristiche proprie degli atleti: forza, energia, controllo, determinazione, ambizione,usando le materie prime tipiche della dieta mediterranea.

Io mi sono ispirata al concetto di energia collegandolo al colore giallo,all’idea di leggerezza tipica di alcuni sport come la ginnastica artistica,la corsa o il salto legandola al colore bianco ed alla texture della preparazione.

Nella sua alimentazione penso che un atleta ricerchi sempre energia legata alla leggerezza dei piatti,come
ingredienti mediterranei ,quindi,ho pensato limoni,basilico e mandorle,fonti di vitamine,acidi grassi poliinsaturi,antiossidanti e di tanto tanto profumo!!

E non volendo credere che un atleta si privi totalmente dei dolci nei periodi di allenamento intenso o di gare Energia&Leggerezza le ho rinchiuse in un piccolissimo bicchierino di vetro trasformandole in
Mousse di yoghurt con lemon curd al basilico e crumble alle mandorle

Questi qui sopra sono proprio loro,i bicchierini serviti durante il brunch,le altre foto si riferiscono alle prove fatte a casa.

E’ stata la mia prima esperienza da blogger fuori dalle mura domestiche,la mia timidezza si è fatta sentire,ma spero che il mio dolce abbia parlato per me.
Un ringraziamento speciale va in primis a Nicola seguito dalla dolcissima Sarah Scaparone che mi ha “trovata” ( e lei sa il perchè delle virgolette :-)),a tutta la brigata del ristorante che ci ha supportato/sopportato in tutte le nostre richieste ed alle mie compagne di avventura:

Francesca di SpadelliamoInsieme
Irene di Cucina Senza Senza
Gaia di shake and bae
Simona e Sonia e L’albero della carambola
Daniela di Gustorie
Ambra di Il gatto ghiotto
Laura di Salto nel crudo
Marta di Una streghetta in cucina
Claudia di Verde Cardamomo
Lisa di Q.B. in cucina quanto basta

e a Sandra di Un tocco di zenzero che finalmente dopo tante email scambiate e commenti lasciati sul suo blog sono riuscita a conoscere di persona.

Mousse di yoghurt con lemon curd al basilico e crumble alle mandorle
Ingredienti per 20 bicchierini

Per il crumble alle mandorle

25g di farina
25g di zucchero
25g di burro
25g di mandorle tritate
Procedimento:
Intridere con le mani il burro con la farina,aggiungere gli altri ingredienti.
Si deve ottenere un composto sbriciolato.
Farlo raffreddare qualche ora in frigo,pi stenderlo su di una teglia da forno e cuocerlo a 180°C fino a quando non appare dorato.
Ogni tanto conviene aprire il forno e muovere la teglia in modo da separare le briciole e farle cuocere in modo omogeneo.
Per la mousse allo yoghurt
350g di yoghurt greco
350g di panna fresca
1-2 cucchiai di zucchero a velo
Procedimento:
Montare la panna,unire ad essa lo yoghurt greco ammorbidito in precedenza con un cucchiaio,aggiungere lo zucchero. La mousse non deve risultare troppo dolce per cui aggiungere poco zucchero alla volta
Per il lemon curd al basilico
3 uova (M)
120g di succo di limone + scorza
120g di zucchero
100g-150g dburro
basilico q.b
Procedimento:

Con le uova,lo zucchero ed il succo di limone,preparare sul fuoco una crema..Versare la crema sopra al burro e raffinarla con il minipimer per circa 1 min. Aggiungere le foglie di basilico e lasciare raffreddare la crema per qualche ora.Passare la crema al colino rimuovendo così le foglie di basilico.

Per il bicchierino:
Mettere la mousse di yoghurt ed il lemon curd dentro ad due sacche à poche distinte.
Alternare dentro al bicchierino uno strato di mousse ed uno di lemon fino a completamento.
Decorare con il crumble di mandorle.
Volendo è possibile fare anche strati di crumble,ma il mio consiglio è di farlo solo se servite immediatamente il dolce,altrimenti perdete la croccantezza del crumble.

5 Comments
  • Rita è un dolce meraviglioso e sarà piaciuto moltissimo, ne sono sicura!
    Complimenti!!!

    24 aprile 2012 at 22:34
  • Favolosa coppa! Amo alla follia il curd di limone…. Tempo fa feci quelo di limone e lavanda ora vogliomprovare il tuo con il basilico, dev’esser speciale!

    25 aprile 2012 at 12:32
  • Rita carissima! Eccoti qua… Credici: è stato un piacere anche per noi conoscerti…ti seguivamo già ma adesso sarà ancora più piacevole farlo 🙂 questa ricettina è spettacolare, copiata e archiviata 😉 La ricetta dei pancake alle fave e menta arriverà prestissimo (ieri in campagna li abbiamo rifatti – fotografati – per bene per i nostri amici, con tanto di insalata liquida!). Un abbraccio e a prestissimo,
    simo e sonia

    26 aprile 2012 at 13:20
  • ciao Rita!
    sono sincera se dico che non conoscevo il tuo blog.. ma è una piacevole scoperta (hai delle ricette molto interessanti!) e ho conosciuto seppur per poco una dolcissima ragazza, il tuo dolce tranquilla ha parlato per te..era buonissimissimo! (ne ho mangiati due) bellissima iniziativa che ci ha fatto incontrare.. a presto 🙂

    26 aprile 2012 at 18:52
  • Bravissima Rita, ti meriti un gran successo!! Il dolce però lo assaggio solamente, io non amo nè lo yoghurt nè il limone, ma credo che sarà andato a ruba…

    26 aprile 2012 at 21:03

Post a Comment