Le melanzane di Yotam Ottolenghi - La Fucina Culinaria
114
post-template-default,single,single-post,postid-114,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Le melanzane di Yotam Ottolenghi

Mi ci metto pure io nella lunga schiera delle fans di Yotam Ottolenghi e dei suoi splendidi libri.
Che poi quando un libro mi “strega” io preferisca sfogliarlo e risfogliarlo ammirando e studiando le ricette e solo dopo mesi mi decida a passare alla pratica,è un aspetto di me che a volte pure io faccio fatica a capire,però è così!! e quindi nonostante Plenty e The cookbook siano da mesi sulla mia libreria solo pochi giorni fa mi sono decisa a testare la sua tecnica di cottura delle melanzane.La conoscete?

In pratica Ottolenghi suggerisce di tagliare a metà la melanzana non in senso verticale come abitualmente si fa,ma  per la circonferenza, in modo da ottenere due lobi,quello più grande si divide a sua volta in 6 spicchi, il più piccolo  in 4 ottenendo così 10 spicchietti per melanzana.
Si spennellano bene di olio e spolverano di sale e si mettono in forno caldissimo, 230 gradi per circa 18 minuti, finche’ non sono ben dorate.
Vengono perfette!
Che poi io non abbia proseguito con una ricetta di Ottolenghi,ma semplicemente appoggiando gli spicchi di melanzane su di un disco di pasta sfoglia insieme a qualche pomodorino diviso a metà,foglioline di maggiorana,sale ed olio extravergine e messo in forno a 180°C,è una cosa che capisco benissimo con il caldo di questo periodo,il lavoro al clou della stagione è il massimo che la mia cucina sforna se il termoetro non decide di scendere su temperature più sopportabili e per un lungo periodo.

Post a Comment