Brioches "F" - La Fucina Culinaria
310
post-template-default,single,single-post,postid-310,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Brioches “F”


Brioches “F” come fantasmagoriche,fenomenali,facili (da realizzare),freezerabili e potevano essere solo sue, del mitico Felder.
Ho avuto anche fortuna,perchè l’impasto mi sembrava troppo morbido come consistenza rispetto a quello della foto del libro ed inoltre causa stanchezza ho lasciato l’impasto in frigo per una notte abbondante!Predisposta ad un fallimento annunciato,quando le ho prese fuori dal forno,così belle,soffici e profumatissime,non ho resistito e ne ho mangiata una subito per festeggiare!
Quelle rimaste dalla colazione del giono successivo,le ho messe in freezer dentro ad un sacchetto e vi assicuro che bastano 5 minuti di forno per farle tornare come appena fatte!


Mi stavo quasi per dimenticare,come si può vedere dalla foto in alto sulla dx,queste briochine vanno bene anche per farci un dolcino veloce e goloso:
pesche sciroppate,yoghurt greco,salsa di fragole,qualche mandorla e naturalmente la brioche!

Finalmente la ricetta:

Brioches “F”

Ingredienti per l’impasto di base:
250g di farina 0
30g di zucchero
1 cucchiaino di sale
10g di lievito fresco
3 uova (150g)
2 cucchiai di latte
165g di burro pomata

2 tuorli d’uovo per la doratura
50g di farina per infarinare il piano di lavoro
scorzette di arancia
zucchero in granella

Procedimento:
Nella ciotola della impastatrice mettere la farina,lo zucchero ed il lievito,aggiungere in successione le uova ed il lievito.Azionare il gancio a velocità bassa.Quando l’impasto risulta omogeneo aggiungere il sale ed il burro.Continuare a lavorare a velocità bassa per circa 10 minuti.L’impasto deve presentarsi liscio ed elastico e togliendolo dalla ciotola deve rimanere compatto.Farlo riposare coperto a temperatura ambiente per circa 1h .
Trascorso tale tempo,mettere l’impasto su di un piano da lavoro infarinato,dargli una forma “a salsicciotto” e farlo riposare in frigo almeno 2h (mia modifica: ho messo l’impasto in una ciotola dai bordi alti e l’ho lasciato in frigorifero tutta una notte).
Stendere con il mattarello l’impasto fino ad ottenere un rettangolo dallo spessore di 4-5mm,cospargere la superficie con scorzette di arancia candite tritate finemente.
Sollevare un lato del rettangolo e portarlo sull’altro,ottenendo un rettangolo che è la metà di quello precedente,premere bene sull’impasto in modo da togliere eventuali bolle di aria.
Tagliare l’impasto in rettangoli di 3-4cm di lato.
Volendo si possono fare anche delle treccine.
Appoggiare le brioches su di una teglia da forno ricoperta con carta da forno e farle lievitare coperte per 2h e mezza.
Pennellare delicatamente la superficie con i tuorli e cospargere con zucchero in granella.
Cuocere a 180°C per 10-12min.

 

23 Comments
  • E la ricetta?

    14 maggio 2009 at 21:06
  • Ricetta! ricetta!!

    15 maggio 2009 at 6:46
  • Bellissime, attendo con impazienza la ricetta..

    15 maggio 2009 at 15:42
  • Virò
    Rispondi

    Forza…Facci Frugare in Fondo al tuo Frigorifero e nel tuo Forno!
    Fremiamo…Fidati!

    15 maggio 2009 at 18:19
  • Bello… anzi bellissimo il tuo blog.
    Non so come mai non l’avvo ancora visto!!
    Se non ti spiace ti ho messa nei miei preferiti.
    Ciao paola

    15 maggio 2009 at 17:14
  • Sembrano buonissime!

    15 maggio 2009 at 20:13
  • Anonymous
    Rispondi

    santo cielo Rita, sono incollata allo schermo in attesa della ricetta! Probabilmente la brioche è il dolce che amo di più, ma lo faccio raramente… forse tu e Felder potete darmi una mano con queste! 🙂

    Annette

    15 maggio 2009 at 21:04
  • Fatto!Messa la ricetta
    Paola e Milla benvenute!
    Virò: troppo Forte!!

    15 maggio 2009 at 21:08
  • Virò
    Rispondi

    Fantastiche!
    Non mi sembra una ricetta difficile: la proverò senz’altro!

    P.S. C’è un motivo per cui si usa la farina 0 anzichè la 00?

    16 maggio 2009 at 5:31
  • manoela
    Rispondi

    bellissime

    ma il lievito è quello di birra?

    16 maggio 2009 at 12:17
  • Virò
    Rispondi

    ok, ho capito, quindi vale anche per il pane e per tutto ciò che ha una lievitazione lenta?

    Approfitto per un ulteriore chiarimento: il forno statico o ventilato? Immagino statico, vero?

    P.s. A proposito di brioches: ma non erano rimaste in sospeso delle chioccioline alla cannella? Sai, già che uno accende il forno…

    16 maggio 2009 at 17:03
  • Virò,trattandosi di un impasto che deve lievitare occorre una farina abbastanza di forza (con glutine) che agevoli la lievitazione.
    Manoela,sì si tratta di lievito di birra.

    16 maggio 2009 at 16:12
  • Virò,in linea generale:
    manitoba (la più ricca in glutine) e farina 0 per tutti i prodotti lievitati,come pane,pan brioche,brioches,danubio.
    farina 00 più raffinata ( con minor quantità di glutine) per dolci,come pandispagna,pasta frolla,sfoglia,ect.
    Per le chioccioline,è vero,provvederò al più presto!!

    16 maggio 2009 at 19:36
  • e come resistere?! 😛

    17 maggio 2009 at 7:48
  • Gigio
    Rispondi

    Burro pomata?

    19 maggio 2009 at 10:06
  • Gigio,il burro pomata è il burro morbido.Si tiene a temperatura ambiente fino a quando non diventa morbido da essere lavorato proprio come una cremao pomata.

    19 maggio 2009 at 11:31
  • simo
    Rispondi

    Ciao bellissimo il tuo Blog, ti ho scoperta “passegiando” e leggendo
    il Blog di Pinella e già sei nei miei preferiti.io ancora non ho un mio Blog personale ma spero presto
    di realizzare questo mio sogno.
    Ti chiedo una curiosità,vorrei provare quel delizioso: budino di limone e mandorle in salsa di fragole,non capisco il limone và frullato intero? e le midolle? o semi?si frullano anche loro? grazie
    e ancora complimenti.

    21 maggio 2009 at 16:30
  • Ciao Simo,benvenuta!
    I limoni devi proprio frullarli interi,ovviamente puoi togliere i semi!!

    22 maggio 2009 at 11:51
  • simo
    Rispondi

    Ciao Rita! grazie per avermi risposto,poi ti dirò se il dolce è venuto bene,come il tuo! Ora che ti ho trovato verrò spesso dalle tue parti…..
    tanti auguri per il tuo primo anno di Blog.

    22 maggio 2009 at 14:53
  • Barbara
    Rispondi

    Ciao Rita, complimeti per il blog in generale, ho già provato a fare la bavarese allo yogurt..ottima, come mia prima bavarese son rimasta soddisfatta!!TI CHIEDO SE PER QUESTE BRIOCHE è NECESSARIA L’IMPASTATRICE O SI POSSONO FARE ANCHE A MANO?grazie dell’aiuto!!
    BARBARA

    5 giugno 2009 at 20:59
  • ciao Barbara,
    se come prima bavarese hai fatto quella allo yoghurt,che è tra le più difficili,perchè è facile che la colla di pesce coaguli se lo yoghurt è molto freddo,sei brava!

    Certo che le brioche le puoi impastare a mano,devi solo lavorarle molto di più rispetto all’utilizzo dell’impastatrice.

    6 giugno 2009 at 14:18
  • Barbara
    Rispondi

    Ciao Rita, sono Barbara del post sopra. A parte che nel frattempo ho fatto già 2 volte la bavarese alla vaniglia e cioccolato e devo dire che è piaciuta moltissimo a tutti, diventando il dolce preferito in casa!
    Domani vorrei cimentarmi con queste briochine, volevo chiederti un’ultima cosa..ma si possono surgelare?prima o dopo la cottura?Ti ringrazio e ti farò sapere il risultato!Barbara

    15 giugno 2009 at 13:20
  • Barbara,purtroppo leggo solo ora,spero di non arrivare tardi.
    Le puoi congelare dopo cottura,5min di forno le fanno tornare come appena fatte!

    23 giugno 2009 at 20:45

Post a Comment