La pasta madre - La Fucina Culinaria
201
post-template-default,single,single-post,postid-201,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La pasta madre

Se anche solo sei mesi fa mi avessero detto che l’anno nuovo per me sarebbe stato all’insegna della pasta madre,avrei detto: “Impossibile,non ho tempo,ho già il mio bimbo vero da accudire!”

Ma a Febbraio c’è stato il corso di Adriano e Paoletta a Pianoro,dove non solo ho ricevuto il mio pezzettino di pasta madre che con il suo profumo che mi ha letteralmente conquistata ed ho cercato di fare miei alcuni gesti di lavorazione,ma tra un impasto e l’altro ho conosciuto la mia vicina di spianatoia,Elisa,una vera esperta di pasta madre.
Per lei non ci sono segreti,si destreggia con una facilità invidiabile in rinfreschi,lievitazioni infinite e soprattutto con la pasta madre ci fa di tutto, dal pane ai croissants passando per le colombe ed i grissini.
Tra una chiacchiera e l’altra mi dice a Natale è uscito un libro,La Pasta madre di Antonella Scialdone (Ed.Edagricole) che contiene delle ricette infallibili.
“Se procedi come dice l’autrice,il successo è garantito!”

Acquistare il libro è stata un’impresa (nota: cercatelo in libreria,non rivolgetevi alla casa editrice,nel mio caso è stato tempo perso),ma adesso che ne sono la felice proprietaria devo dire che ha completamente cambiato in meglio la mia vita di panificatrice con pasta madre alle prime armi!
Mi sono resa conto che il mio problema non era tanto tenere rinfrescato il lievito madre (oddio,tra le 10000 cose da fare a volte non è facile inserire anche il rinfresco+lievitazione),ma piuttosto come utilizzarlo.
Infatti oltre ai grissini ed ai crackers con la pasta madre non sapevo proprio cosa farci e questo mi faceva perdere interesse nei suoi confronti e propendere verso il lievito di birra con il quale invece vedevo un’infinità di utilizzi ed un risultato più veloce,facile e garantito.
Il libro della Scialdone mi ha aperto un mondo,perché lei con la pasta madre ci fa veramente di tutto,ma proprio tutto e confermo quanto detto dalla mia Maestra Elisa,con le sue ricette se le segui passo passo il successo è garantito!!
La Pasta madre è un libro ben fatto,pratico e maneggevole,di piccole dimensioni,così te lo puoi tenere comodamente sul piano di lavoro mentre impasti.
Le spiegazioni sono esaurienti,chiare e dettagliate,proprio quello che ci vuole per chi è agli inizi.
Ha  delle foto ben fatte che ti viene la voglia di provare a realizzare tutto e a volte sfogliandolo ti viene spontaneo pensare: “No,non ci credo anche questo ci posso fare con la pasta madre!!”
Io ci sto prendendo la mano,mi sto cimentando con i pani più semplici,su alcuni aspetti ,tipo capire se l’impasto ha lievitato abbastanza oppure calcolare bene i tempi di lievitazione devo ancora migliorare!
Per certe preparazioni lunghe giorni ho già capito che dovrò aspettare il periodo della pensione o che mi ritorni la polmonite (vero Elisa?),però sto avendo le mie piccole soddisfazioni culinarie e sentire che la mia pasta madre dopo 3 mesi ha ancora il profumo di quando me l’hanno data Adriana e Paoletta,non ha prezzo come dice una nota pubblicità!!

Segnalo che Antonella Scialdone ha anche un suo blog “Pappa reale.net” e da un mese sta accudendo con amore due piccoli “bimbi”,uno vero ed uno panoso!!

14 Comments
  • Ma grazie del consiglio, anch’io voglio cimentarmi, ma non l’ho ancora fatto, se lo trovo il libro lo compro, mi hai convinta, grazie…..

    10 maggio 2011 at 21:05
  • Grazie la cercherò in libreria io sono una frana con il LM e vorrei tanto imparare bene .

    10 maggio 2011 at 21:07
  • ciao Rita, acc..sapevo del corso a Pianoro, ma febbraio è un mese ancora di fuoco per me al lavoro e purtroppo ho dovuto lasciar perdere ancora una volta. Il libro l’ho già comprato, la pasta madre, il mio adorato Arzillo, purtroppo è passato a miglior vita. Quindi…ti scrivo in privato.
    Grazie.
    Sabrina

    10 maggio 2011 at 23:05
  • spettacolare la tua p madre….

    11 maggio 2011 at 6:55
  • la pasta madre è sempre una bella sorpresa!si è vero che dà risultati incostanti ma è preferibile al lievito di birra perchè ovviamente più sano e naturale..anche io ne vado pazza e da quando ho imparato le proporzioni e i tempi di lavorazione non riesco più ad abbandonarlo!

    11 maggio 2011 at 9:21
  • Volevo cimentarmi proprio in questi giorni, cercherò il libro,post interessante, grazie per le informazioni. Mi aggiungo ai sostenitori : )) buona serata!

    11 maggio 2011 at 18:08
  • Anch’io uso spesso la pasta madre ed i risultati mi ripagano del lavoro che ci vuole per accudirla.Piacere di conoscerti,ho aperto un blog da poco e, se ti va, mi farebbe piacere una tua visita.
    Sono diventata tua sostenitrice.

    11 maggio 2011 at 18:15
  • Rita ciao, ho comprato anch’io questo libro ! non sono una mamma molto brava con questo genere di bimbi, ma dopo diversi tentativi, vorrei riprovare !

    14 maggio 2011 at 8:58
  • Virò
    Rispondi

    Buono a sapersi: cercavo da tempo una guida semplice ed esauriente…grazie del consiglio!

    14 maggio 2011 at 16:36
  • Anonymous
    Rispondi

    una domanda: visto che ad ogni rinfresco bisogna eliminare una parte di pasta, alla fine il gioco vale la candela?
    Panificando in media una volta alla settimana, la quantità di lievito che scarti è elevata?
    Giovanni

    16 maggio 2011 at 11:11
  • qualche giorno ci voglio provare a fare la p.m.
    complimenti la tua e davvero bellissima ..
    baci da lia

    18 maggio 2011 at 9:58
  • Io a settembre voglio iniziare a fare il pane con la pasta madre! poi ci sentiamo per la farina…
    ti chiederò cmq consigli. ciao marica

    18 maggio 2011 at 19:23
  • Giovann:
    io sono partita e tengo sempre 100g che rinfresco tutte le settimane,ma tra panficare e qualcuno che quando ne parlo me la chiede,per ora non ho mai buttato la pasta.

    Mariabianca:benvenuta sul mio blog

    18 maggio 2011 at 20:19

Post a Comment