Crème brulée al caramello con gelée di spezie - La Fucina Culinaria
178
post-template-default,single,single-post,postid-178,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Crème brulée al caramello con gelée di spezie

In questo dolce ci ho creduto sicuramente quando l’ho scelto tra le 300 pagine del libro (Sensations di P.Conticini),caramello e spezie con il loro colore e profumo mi sembravano perfetti per un dolce autunnale.
Poi ho avuto un crollo psicologico dovuto ad una pannacotta preparata centanaia di volte,che questa volta mi ha tradito in cottura. Questo sbaglio mi ha fatto mettere in discussione tutto quello che avevo preparato,mi è presa l’ansia perchè i dolci erano destinati ad una cena con amici a quali sono molto legata e molto competenti e non so voi ,ma quando mi agito io il pessimismo cosmico di Leopardi in confronto è nulla!
Ho iniziato a pensare: “se ho sbagliato la pannacotta, sicuramente avrò fatto qualche passo falso con un dolce mai fatto e poi “chissà se la gelatina sopra la crema piacerà”,”ma le spezie le avrò dosate correttamente?”,s”aranno troppo forti,ma non sarà stucchevole!??”insomma tutta una serie di elucubrazioni mentali a non finire !!
Per farla breve, mi sono presentata alla cena con i miei dolci certa chiedendo di essere benevoli,la pannacotta in effetti i suoi difetti di texture e sapore li aveva,ma questo dolce con mia grandissima sorpresa ha conquistato tutti!
Penso che questo blog non venga letto da minorenni per cui posso tranquillamente scrivere che il primo pensiero che molti hanno avuto al primo cucchiaino è stato: “questo dolce è da orgasmo!”
ed io oggi -a mente lucida -mi chiedo come ho fatto a dubitare che un dolce di Conticini con quel titolo in francese così suadente,potesse non esserlo!! :-))
Crème brûlée al caramello con gelée alle spezie di Philippe Conticini (con mie modifiche)

Ingredienti:
200 g di zucchero
500ml di panna fresca
250g di latte intero
9tuorli d’uovo
200 g di zucchero semolato

Procedimento:
In un tegame con i bordi alti mettere i 200g di zucchero,farli sciogliere fino ad ottenere un caramello dorato.
Nel frattempo portare ad ebollizione la panna ed il latte.
Una volta che il caramello è pronto togliere il tegame dal fuoco e versarvi la miscela di panna e latte.
Fare attenzione perché il composto tenderà a bollire violentemente.
Mescolare e riportare sul fuoco per qualche minuto.Lasciare intiepidire il composto.
In una ciotola sbattere i tuorli .
Versare il composto di panna latte e caramello sui tuorli,mescolare in modo da amalgamare bene,far riposare circa 10min in modo che scompaia la schiuma.Se dovesse rimanere,rimuoverla.
Versare il composto filtrandolo in una teglia da forno.
Cuocere a bagnomaria a 150-160°C fino a quando il composto non appare al tatto rappreso ma tremolante.
Togliere la teglia dal forno,far raffreddare completamente e poi porre in frigorifero.
E’ consigliabile preparare questa crema con un giorno di anticipo.

Gelée alle spezie

Ingredienti:
10g di zucchero
10g di caramello liquido
60ml acqua
2g di colla di pesce
Spezie (zenzero,liquerizia,anice stellato e cannella)
5g di Succo di limone
1 baccello di vaniglia.

Procedimento:
Intiepidire l’acqua ,sciogliervi dentro la gelatina ammollata precedentemente,quando la gelatina si è completamente sciolta,aggiungere lo zucchero,il caramello,il succo di limone e tutte le spezie compresa la vaniglia..
Versare il liquido dentro ad un recipiente possibilmente basso e largo e porre in frigorifero a solidificare.
Al momento di serrvire tsglier erla gelatina apiccoli cubetti e porli sopra alla crema.
Terminare la decorazione con tuiles al caramello.

8 Comments
  • Non mi ricordo se ti ho mai scritto che anche io sono a Bologna…Abito alla ponticella di San Lazzaro, quindi vicino a Pianoro! A Pianoro vecchia sono stata spesso alla gelateria, per chè il mio ragazzo suona e ha fatto un po’ di sserate lì…Complimenti per la creme…

    17 ottobre 2011 at 12:32
  • Ma sai che quando ho visto la foto pensavo fosse una crema di zucca con sopra peperoni e crostini alla paprika? XD ok basta! Povera me…

    17 ottobre 2011 at 13:05
  • Quando si dice …..ieri notte mi prendo il libro. Vado all’indice a cercare la tua crème e….avevo messo un post it sulla pagina….Ma è o no un segno che la crème andava fatta?

    17 ottobre 2011 at 13:52
  • la tua descrzione è chiarissima!!! chissà che buono!!! 😉

    17 ottobre 2011 at 15:24
  • Hehehe… vari ospiti della cena hanno avuto pensieri irriferibili fin dal primo cucchiaio!!!

    Ciao, Rita, mi ha fatto davvero piacere rivederti :-*
    Stef.

    17 ottobre 2011 at 19:13
  • caspita tutto pensavo tranne che fosse un dolce ! bello !

    17 ottobre 2011 at 20:00
  • Messaggio arrivato: rifare la creme e scattare una foto migliore,la state scambiando per un piatto salato!!

    Stef,conferma che era un dolce dalle forti sensazioni!!
    Anche a me ha fatto davvero piacere vederti!!

    Pin,io direi che è da mettere in cima alla lista dei dolci da fare,spt dopo il commento della Stef!

    17 ottobre 2011 at 20:18
  • è stato un miscuglio di sensazioni incredibili, davvero da “orgasmo”.
    Grazie Rita, mi sa che devo comprare il libro….

    19 ottobre 2011 at 1:17

Post a Comment