Tuma e pane alle noci - La Fucina Culinaria
138
post-template-default,single,single-post,postid-138,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Tuma e pane alle noci

Devo confessare che non conosco Sara Papa.
Non guardando praticamente  la televisione e non acquistando nessun giornale di cucina italiano il suo nome mi era sconosciuto fino a quando Eva di Coquinaria non ha pubblicato il suo pane alle noci e devo dire che è ottimo.
Io l’ho usato per servire questa splendida Tuma di Carlo del Clat,che abbiamo gustato con un buon bicchiere di vino rosso durante le sere di febbraio in cui nevicava copiosamente.
PANE IN CASSETTA AL LATTE E NOCI

Ricetta presa dal libro “Tutta la bontà del pane” di Sara Papa
Ingredienti:
500g di farina 0
270g di latte intero
120g di gherigli di noci
12g di lievito di birra (150 g di lievito madre)
1 cucchiaio di malto o di miele
10 gdi sale

Procedimento:
Con 50g di latte tiepido sciogliere il lievito e impastare con 100g di farina, mettere l’impasto a lievitare per 30 min.
Setacciare il resto della farina e impastare con il panetto lievitato, il latte, il malto,il sale e le noci fino ad ottenere un composto morbido ma consistente. Mettere a lievitare in ciotola unta d’olio per circa 40 min.
Dividerel’impasto in tre parti e formare una treccia, mettere in stampo da plum cake foderato da carta forno e far lievitare fino al raddoppio. Spennellarela superficie con il tuorlo diluito con un po’ di latte
Inforno caldo a 180° per 55 min.
NOTA: i tempi di lievitazione riportati sono per l’utilizzo del lievito di birra,se si usa quello madre vanno opportunamente allungati .

2 Comments
  • E’ irresistibile questo piatto!!!!

    14 marzo 2012 at 21:36
  • Il pane alle noci mi piace tanto e con quella tuma scioglievole potrei farmici molto male…

    16 marzo 2012 at 18:24

Post a Comment