Patè di anatra con panbrioche e marmellata di arance e pompelmo - La Fucina Culinaria
153
post-template-default,single,single-post,postid-153,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Patè di anatra con panbrioche e marmellata di arance e pompelmo

La prima volta non si scorda mai,nemmeno quella della preparazione del mio primo patè di carne e soprattutto quella della pulizia dei fegatini di pollo!!
 Fino a qualche anno fa i fegatini mi facevano senso solo a guardarli,per fortuna,a volte, crescendo si cambia,in meglio!!
Per una tappa così importante del mio percorso culinario non potevo non affidarmi ad una ricetta di Giuliana,
che su Coquinaria insieme a Bruna hanno il titolo di Regine di patè e terrine.
Il mio patè l’ho servito accompagnato da fette di pan brioche delle Simili e marmellata speziata di agrumi.

Spalmato su quel pane caldo,non vi dico che cos’era! Da farsi del male!!

PATE’ D’ANATRA
Ingredienti:

450 gr petto d’anatra
90 gr fegatini di pollo
150 gr mascarpone
80 gr burro
1 cipolla non troppo grossa
1 spicchio d’aglio
1 bicchiere vino bianco di ottima qualità
mezzo bicchierino di Cointreau
1 rametto di rosmarino
sale, pepe
poco olio e.v.

Procedimento:
in una padella scaldare l’olio, quando è caldo aggiungere una noce di burro e mettere subito il petto d’anatra dalla parte della pelle, unire la cipolla affettata grossolanamente, unire anche il rosmarino e l’aglio e lasciar cuocere a fuoco vivo per circa 5 minuti badando che la cipolla non bruci. Aggiungere i fegatini di pollo ben puliti, abbassare il fuoco e appena i fegatini cominciano a cuocere sfumare con il vino bianco.
Coprire e lasciare cuocere pian piano per circa 45/50 minuti controllando la cottura, ed eventualmente aggiungendo poca acqua calda se si asciugasse troppo, o prolungandola se il petto non fosse completamente cotto.
Dovrà comunque essere asciutto a fine cottura.
Una volta pronto, lasciare raffreddare coperto quindi eliminare l’aglio, il rosmarino, la pelle dal petto. Tagliare a pezzetti la polpa e metterla nel tritatutto (io ho usato il bimby) insieme a un paio di abbondanti cucchiaiate delle cipolle di cottura. Unire anche il mascarpone, il burro e il liquore e azionare lungamente il tritatutto alla massima velocità finchè il patè è completamente liscio e morbido.
Foderare con una pellicola uno stampo a piacere, versarvi il patè, battere leggermente lo stampo per fare assestare il tutto, coprire e tenere in frigorifero.

3 Comments
  • questo patè è davvero ottimo, almeno, io lo amo molto. Sono contenta che sia piaciuto anche a voi..

    Ti ringrazio per la fiducia cara Rita…
    baci

    Giuli

    19 gennaio 2012 at 1:02
  • Un patè ottimo abbinato alla marmellata di agrumi diventa favoloso!!! e con quel pain brioche….

    20 gennaio 2012 at 0:29
  • ti ho appena fatto gli auguri su coquinaria, te li rifaccio qui: aUGurI! Proprio oggi nel fare la spesa ha visto una bella anatra e avrei proprio avuto voglia di cucinarla. Peccato che a mia moglie non piaccia granchè. Il patè a proprio un aspetto magnifico. complimenti. ciao!

    24 gennaio 2012 at 18:44

Post a Comment