Pannacotta ai fiori di ibisco e liquerizia - La Fucina Culinaria
125
post-template-default,single,single-post,postid-125,single-format-standard,cookies-not-set,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Pannacotta ai fiori di ibisco e liquerizia

Per una volta ho abbandonato la “mia amata” pannacotta con gli albumi per una fatta con la gelatina,ma la ricetta viene dalla mia amica Pinella per cui la morbidezza al cucchiaio ed al palato sono assicurate.
Ho voluto testare l’infusione di ibisco o karkadè nella panna per ottenere una colorazione rosa tutta naturale.
Ho preferito una ricetta che non prevedesse la lunga cottura in forno del dolce,per mantenere il più possibile intatto il colore, temo infatti che il calore prolungato causi un viraggio del colore rosa verso tonalità marroni,ma sarebbe da verificare.
Come prima volta ci sono andata cauta con i quantitativi di foglie di ibisco,ottenendo anche grazie alla polvere di liquerizia un tenue rosa antico.
La parte infusione a caldo è da “ritestare”con una prova n°2: ho messo le foglie direttamente nella panna ed ho portato il tutto ad ebollizione,ma in prossimità di quest’ultima ho notato che il composto sembrava iniziare a separarsi, in realtà è stato sufficiente filtrare e mescolare con una frusta per riottenere un composto liscio.
Temo che il karkadè che è acido a caldo coaguli le proteine della panna,in pratica fa lo stesso effetto del succo del limone nel latte quando si vuole preparare la ricotta!!
Perciò ritesterò questa parte di preparazione della pannacotta e ho già in mente anche un piano B per evitare la formazione della ricotta al karkadè,che poi ripensandoci non sarebbe nemmeno male come idea!! :-))

 La liquerizia,invece, l’ho aggiunta per dare gusto alla pannacotta,perchè diciamocela tutta,l’ibisco non è che sia così caratterizzante sul lato gusto.
Ho decorato i bicchierini con una macedonia di fragole e pesche sciroppate
Comunque evitata la ricotta al karkadè,ho invece ottenuto un dolce,a mio avviso molto femminile,gradevole e delicato sia alla vista che al palato.
I miei uomini hanno apprezzato anzi vista la foto qui sotto li hanno letteralmente divorati!!
Pannacotta ai fiori di ibisco e liquerizia
Ingredienti:

500 g di panna fresca liquida
100g di cioccolato bianco Venchi
100 g di zucchero
liquerizia in polvere 1 cucchiaino
4 g di foglie di ibisco (karkadè)
2 fogli da 2g di colla di pesce

Per decorare
macedonia di fragole e pesche sciroppate

Procedimento:
Riunire la panna e le foglie di ibisco in una casseruola e portare al bollore.Filtrare. Unire la liquerizia e lo zucchero. Far idratare la gelatina in acqua ghiacciata.,unirla ben strizzata al composto.
Far fondere il cioccolato bianco.Far scendere la temperatura del composto a circa 45-50°C e unire il cioccolato fuso. Passare di nuovo tutto al setaccio e versare nei bicchierini. Far raffreddare completamente in frigorifero.
Al momento di servire guarnire i bicchierini con la macedonia di fragole e pesche sciroppate.

Con questa ricetta partecipo al contest “Grazie dei fiori” di Cardamomo&Co

5 Comments
  • E ci credo che li hanno divorati! I tuoi bicchierini sono davvero invitanti…e il connubio di sapori originale e inedito. bravissima!
    simo

    8 maggio 2012 at 15:56
  • Hai questa dote di inventarti i gusti…Di sperimentare…Di provare. con te non si è mai scontati..E devo dire che hai un duetto di uomini niente male…

    8 maggio 2012 at 21:08
  • Aggiunta! :)))

    16 maggio 2012 at 22:07
  • bellissima, da copiare quanto prima!

    26 maggio 2012 at 14:47
  • E ci credo che hanno divorato tutto!!!! L’avrei fatto anch’io!!!! 😀

    7 giugno 2012 at 16:39

Post a Comment